Header Background
2004 - 2017 in viaggio da 13 anni

Laos – L´antico regno del milione di elefanti


Un viaggio alla scoperta di una meravigliosa e rigogliosa natura

Proponiamo un viaggio nel cuore della penisola indocinese. Attraverso la capitale Vientiane, unica grande città del Paese; Luang Prabang, l´antica capitale che sorge al centro delle grandi montagne. Per scoprire l´altopiano dei Boloven e i villaggi dei Mon-Khmer. Champasak, antico luogo di culto dei geni della montagna e degli spiriti delle acque. Infine Done Khong, la grande isola dove la natura si è difesa da ogni assalto della modernità e ha conservato intatta la sua primordiale bellezza.

Prezzo su richiesta

Attenzione questo programma di viaggio è solo un esempio.
Chiedici un viaggio su misura!

richiedi informazioni

Programma

Giorno 1
Italia - Vientiane

Prima colazione. Arrivo e trasferimento in hotel. Visita orientativa di Vientiane, la capitale del Laos che con i suoi scarsi 300.000 abitanti, compresi tutti i borghi della prefettura, é la sola grande città del paese. Adagiata sulla riva sinistra del Mekong conserva il fascino démodé della vecchia città coloniale francese con l´elegante edificio che ospita il Museo di Storia o l´austero Palazzo Presidenziale. I larghi viali alberati, la miriade di colori del Talat Sao, il grande mercato coperto e la vivacità cosmopolita che ruota intorno al Nam Phou. La Rotonda della Fontana, il misterioso fascino del That Dam e lo Stupa Nero. Pranzo in hotel e cena in ristorante tipico.

Giorno 2
Vientiane – Luang Prabang

Prima colazione. In mattinata trasferimento con volo di linea a Luang Prabang, antica capitale reale posta in una valle a 700 metri di altezza sul medio corso del Mekong. Giornata dedicata alla visita di questa cittadina che, per l´incomparabile bellezza del sito ambientale e per la straordinaria ricchezza di capolavori di architettura religiosa buddhista, l´UNESCO ha dichiarato Patrimonio dell´Umanit?. Sono ancora più di trenta i complessi monasteriali dai quali si promana il mistico senso di spiritualit? che sommerge ogni visitatore; fra i tanti non si può mancare alla visita di alcuni gioielli come il Vat Visoun, il Vat Sené, il Vat Xieng Thong. Per ammirare i dolci colori del tramonto si sale al Vat Chom Si, posto la culmine del Phu Si, la collina sacra che domina il paesaggio di Luang Prabang. Pranzo in ristorante tipico e cena in hotel.

Giorno 3
Luang Prabang

Prima colazione. Al mattino si parte per risalire in motobarca il corso del Mekong attraversando quei suggestivi scenari che avevano già incantato gli esploratori dell´Ottocento: la selvaggia vegetazione che si apre per svelare il villaggio dove si distilla il fortissimo liquore nazionale, il lao lao, e gli orti rivieraschi strappati alle piene del fiume presso i quali da sempre vivono i villaggi delle tessitrici di filati di seta o degli artigiani che fabbricano la carta con la corteccia degli alberi . Quando il fiume si restringe e nude pareti di roccia incombono sulle acque, si approda per salire alle sacre grotte di Pak Ou che nel corso dei secoli la fede popolare ha colmato di migliaia di statue del Buddha. Sulla via del ritorno ci si arresta sulla riva destra, di fronte a Luang Prabang, per un breve e rilassante trekking nel villaggio Xieng Maen, un tempo famoso per la lavorazione delle alghe di fiume, da dove un sentiero immerso nella folta vegetazione raggiunge un antico monastero ormai abbandonato dal culto e in cui vivono solo più pochi vecchi monaci in una silenziosa e mistica quiete che induce alla meditazione. Rientro a Luang Prabang per immergersi nel colorato mondo del mercato dei prodotti arigianali che al calar del sole si apre sulla via che corre tra il Phu Si e l´antico Palazzo Reale. Pranzo a pic nic e cena in Hotel.

Giorno 4
Luang Prabang

Prima colazione. Escursione sulle strade che conducono nelle più suggestive localit? che circondano Luang Prabang. Anche se il turismo é ormai giunto in questi luoghi, la bellezza della natura e il fascino dell´ancestrale costume di vita delle etnie delle montagne offrono ancora delle emozioni indimenticabili. I celebri H´Mong, irriducibili guerrieri e coltivatori del papavero da oppio hanno ora abbandonato le antiche consuetudini ma conservano intatto il fiero portamento. Il parco naturale della cascata di Kuong Si é il quadro ideale nel quale consumare un raffinato pranzo a pic nic in stile laotiano. Nel pomeriggio si possono percorrere le vie di Luang Prabang in bicicletta alla ricerca di qualche insolito acquisto e per chi non pedala e non ama andare a piedi si potr? trovare un tuk tuk. Pranzo a pic nic e Cena in Hotel.

Giorno 5
Luang Prabang - Vientiane

Prima colazione. In mattinata visita del Museo Nazionale posto nell´edificio del vecchio Palazzo Reale che fu costruito nel 1904 e ora ospita un ricca collezione degli oggetti appartenuti al tesoro della famiglia reale e, soprattutto, il Phra Bang, la statua in oro alta 83 centimetri che secondo la tradizione é simbolo del regno di Lane Xang dal XIII secolo. Trasferimento con volo di linea a Vientiane dove si completa la visita della citt?. Dopo essersi arrestati al Patuxai, il gigantesco arco che commemora l´Indipendenza, si raggiunge il luogo più sacro di tutto il Laos, il That Luang, il grandioso stupa che si dice contenga una reliquia del Buddha che la tradizione vuole che sia stata qui portata nel III secolo avanti Cristo. Nel cuore della citt? vecchia, il chiostro dell´antico Vat Si Saket accoglie più di duemila immagini del Buddha che – si dice – lo abbiano preservato dalle tremende distruzioni portate dagli eserciti siamesi nel 1828. Sull´altro lato della strada, la raffinata architettura classica del Ho Phra Keo accoglie il Museo di arte religiosa con una stupenda statuaria buddhista in bronzo. Pranzo in un ristorante tipico e cena in Hotel.

Giorno 6
Vientiane – Pakse

Prima colazioni. Trasferimento all´aeroporto e volo aereo per Pakse. Arrivo a Pakse e trasferimento in bus sull´altopiano del Boloven, la regione delle piantagioni di caffé, delle selve scoscese e delle imponenti cascate, dove vivono numerosi gruppi etnici appartenenti alla famiglia mon-khmer. Si possono percorrere villaggi di Alak, Nghé e Suei che hanno la comune caratteristica di costruire le loro capanne in circolo intorno a uno spiazzo al centro del quale si trova il tempio dei Genii e il palo ove si compie il rituale sacrificio del bufalo. Vivono ancora secondo i loro ancestrali costumi, coltivano la terra con gli strumenti dei loro antenati e l´elefante é rimasto il solo vero compagno di lavoro e di caccia. Pranzo in ristorante tipico e cena in hotel.

Giorno 7
Pakse - Champasak – Done Khong

Prima colazione. Trasferimento a Champasak, portandosi sulla riva destra del Mekong. A 8 chilometri a Sud-Ovest della cittadina si leva un massiccio montuoso alto 1416 metri e culminante con un pinnacolo dalla forma simile a un sacro linga. Antico luogo di culto dei geni della montagna e degli spiriti delle acque, venne scelto gia nel VI secolo dagli Khmer del regno di Cenla per erigervi un tempio in onore del dio Shiva. Lo chiamarono Vat Phu, il Tempio [Vat] della Montagna [Phu = Phnom]. Gli imperatori di Angkor considerarono questo luogo il loro "tempio dinastico". Fu Jayavarman IV che nella prima met? del X secolo diede inizio ai grandiosi lavori di cui oggi restano imponenti vestigia. Una "via sacra" lunga 800 metri ascende dal bacino artificiale di 180 metri per 600, passando tra due grandi santuari a base rettangolare, fino al culmine di un monticolo che si eleva di 70 metri sulla pianura circostante e sul quale sorge il tempio propriamente detto, dove un tempo era conservato un sacro linga in oro. La visita del sito é una continua scoperta di statue o grandiosi bassorilievi scolpiti nella viva roccia e contornati da una natura ancora non addomesticata. La magia dell´ambiente si estende fino alle rive del fiume dove il corso del Mekong si allarga per accogliere l´isola di Daeng dove gli abitanti traggono la vita dalla pesca e dalle colture tropicali. Si prosegue poi verso Sud fino a raggiungere Don Khong, la grande isola ove il tempo pare essersi arrestato a tempi antichi. Pranzo in ristorante tipico e cena in hotel (gli hotel sono semplici ma confortevoli).

Giorno 8
Done Khong

Prima colazione. La giornata scorre lungo le acque del Mekong in uno dei più suggestivi e grandiosi paesaggi indocinesi. Qui ancora aleggia il clima del passato periodo coloniale e degli avventurosi viaggi di esplorazione sul Mekong dell´Ottocento. La natura si é difesa da ogni assalto della modernit? e ha conservata intatta la sua primordiale potenza e bellezza. Le acque, possenti e limacciose, ma ancora incontaminate, offrono l´habitat ideale alla vita dei rarissimi delfini di acqua dolce. Il Mekong scende dal Laos in Cambogia con le spettacolari cascate di Pha Peng, tanto imponenti che molti le hanno ribattezzate il "Niagara dell´ Oriente". - Pranzo in ristorante tipico e cena in hotel (gli hotel sono semplici ma confortevoli).

Giorno 9
Done Khong – Pakse - Italia

Prima colazione. Trasferimento all´aeroporto di Pakse per imbarcarsi sul volo di ritorno in Italia.

Richiesta Informazioni

invia

Contattaci

destinazioni

sezione approfondimenti