Header Background
2004 - 2017 in viaggio da 13 anni

Burkina Faso – Il Sahel, il cuore dell´Africa Occidentale


Un tour interessante per assistere all'uscita delle maschere africane e conoscere diversi popoli

Proponiamo un viaggio per ammirare la città di Ouagadougou, con i suoi palazzi, Bobo con i suoi quartieri in puro stile coloniale e l´uscita delle maschere piatte alte più di due metri, fra le più spettacolari del Burkina Faso, il misterioso mondo dei Lobi, il lago Tengrela, i picchi di Fabedougou e il lago dei coccodrilli a Sabou.

Prezzo su richiesta

Attenzione questo programma di viaggio è solo un esempio.
Chiedici un viaggio su misura!

richiedi informazioni

Programma



Giorno 1
Partenza dall´Italia

Arrivo a Ouaga, accoglienza e trasferimento in hotel. Cena e pernottamento.


Giorno 2
Ouaga – Tiebele – Ouaga

Prima colazione e visita di Ouagadougou ,tipica metropoli dell'Africa Nera. Una città che non ha ancora smesso del tutto i panni del villaggio. Nonostante il cemento e l´asfalto la popolazione perpetua stili di vita dei villaggi d´origine. Anticamente la pianta della città era centrata sul Palazzo del Moro Naba, il Grande Imperatore dei Mossi. Il Palazzo esiste ancora, ma non sembra più essere il baricentro della città. E´ stato sostituito dal Mercato Centrale, verso il quale tutte le strade confluiscono. Si possono trovare diversi oggetti in tessuti artigianali. Successivamente si visita il museo dedicato alle culture tradizionali del paese. In seguito partenza per le savane meridionali, dove vive la popolazione dei Gurunsi, che costruisce ed affresca grandi dimore fortificate. Presso i gurunsi i ruoli nella costruzione sono divisi secondo i sessi. Gli uomini si occupano della costruzione degli edifici. Questi sono realizzati sovrapponendo strati di argilla, supportata da pilastri ed arcate in legno. Le donne si occupano dell´impermeabilizzazione dei muri e terrazze con sterco di zebu e la realizzazione di grandi affreschi impiegando pigmenti naturali. I disegni geometrici di questi affreschi completano e si fondono con le linee arrotondate e rettangolari degli edifici, ciò risulta essere un esempio di architettura che ha influenzato Le Corbusier. Pranzo in corso di escursione. Rientro in hotel. Cena e pernottamento.


Giorno 3
Ouaga – Bobo

Prima colazione e successiva visita alle mosche di Ouahabou e Bobo. A Ouahabou si ha l´opportunità di vedere uno dei più begli esempi d´architettura sudanese. El Hadji Karantho Mahamadou fondò il villaggio nel 1815 e dopo quindici anni costruì la bella moschea utilizzando del semplice materiale quali travi e argilla. La visita prosegue per la città di Bobo, la più verde del Burkina Faso. Essa è costituita da numerosi quartieri in stile coloniale. Durante l´escursione si visita la stazione ferroviaria in stile neo-moresco, mentre possiede uno stile completamente diverso la vecchia moschea e i quartieri limitrofi in puro stile sudanese. Bobo è anche crocevia d´arte e di musica. Durante il giorno, infatti, gli antiquari offrono begli esemplari di maschere in legno, oggetti di decoro e simbolismo e durante la notte risuonano nelle vie i ritmi tradizionali tipici di questi popoli. Pranzo in corso di escursione. Cena e pernottamento in hotel..


Giorno 4
Bobo

Prima colazione ed escursione presso un piccolo villaggio per assistere all´uscita di maschere Bwaba. Queste maschere, piatte, sono alte più di due metri e di bella fattura, sono bianche con disegni geometrici neri e rossi e sono fra le più spettacolari del Burkina Faso, alcune di esse eseguono con l'aiuto di altri personaggi delle vere "pièce" teatrali. I Bobo-Bwa, coltivatori delle savane, vivono in una società divisa in diverse corporazioni, contadini, fabbri e i griot (cantastorie incaricati della trasmissione degli eventi del passato). La maggior parte dei Bwa sono rimasti fedeli alla religione tradizionale infatti le maschere sono regolarmente impiegate nella celebrazione di miti. Al rientro a Bobo tempo libero a disposizione da dedicare a proprio piacimento. Pranzo in corso di escursione. Cena e pernottamento in hotel.


Giorno 5
Bobo – Banfora

Prima colazione e successiva partenza per Banfora definita "città giardino" è celebre per il suo mercato che probabilmente è il più ricco del paese in prodotti d´artigianato. In effetti le popolazioni locali (Gouin, Karaboro e Turka) sono famosi produttori di lavori in rafia, terracotta e tessuto. Durante l´escursione è possibile anche visitare i suoi dintorni per poter apprezzare i "domes" i picchi di Fabedougou, il lago di Tengrela e le cascate di Kerfiughela. Pranzo in corso di escursione. Cena e pernottamento in hotel.


Giorni 6/7
Banfora – Gaoua

Prima colazione e giornata interamente dedicata alla scoperta dei Isenoufo, dei Lobi e dei Dagarti. In particolare, i Lobi del Burkina sono il gruppo più chiuso di questa etnia, distribuita in Burkina, Ghana e Costa d´Avorio. I Lobi del Burkina sono anche quelli che hanno i villaggi più caratteristici e che, grazie alla loro attitudine chiusa, hanno mantenuto inalterate le loro tradizioni. Gli uomini si spostano ancora armati d´arco e frecce; le donne anziane portano dei piccoli dischi labiali. Ogni famiglia allargata vive in una grande costruzione in argilla. I Lobi ancor oggi scolpiscono delle belle statue destinate al culto degli antenati. Durante la visita presso i loro villaggi è presente una guida locale parlante la lingua lobi condizione indispensabile per riuscire a superare la chiusura intrinseca di questa popolazione. Pranzo in corso di escursione. Cena e pernottamento in hotel.


Giorno 8
Gaoua – Ouaga

Prima colazione e visita al lago dei coccodrilli sacri di Sabou Una leggenda narra della protezione offerta da un coccodrillo al primo abitante della regione. Da allora i coccodrilli godono della venerazione dei locali, che offrono loro dei sacrifici quotidiani. Colpisce questo rispetto reciproco tra la popolazione e i coccodrilli. Una specie di gemellaggio che si radica nel mondo degli spiriti e che si rende concreto in "mansuetudine" da parte dei coccodrilli e prodigalità di sacrifici da parte della gente. Si prosegue verso il centro artigianale di Ouagadougou dove veri e propri artisti producono, espongono e vendono il risultato del loro lavoro. Pranzo in corso di escursione. Cena e pernottamento in hotel.


Giorno 9
Ouaga – rientro in Italia

Prima colazione e visita al Museo di Manega, tra i più bei centri culturali dell´Africa Occidentale, museo che espone pezzi d´arte reinserendoli nel contesto della vita del villaggio, essendo l´arte africana funzionale e utile. Tempo a disposizione da dedicare a proprio piacimento. Successivo trasferimento in aeroporto in tempo utile per il volo per il rientro in Italia.



Richiesta Informazioni

invia

Contattaci

destinazioni

sezione approfondimenti