Header Background
2004 - 2020 in viaggio da 16 anni

Argentina - Puna, regione selvaggia e incontaminata del nord


Un viaggio tra deserti, salar e lagune nella regione nord occidentale della Puna argentina

Proponiamo un viaggio in Argentina del Nord, alla scoperta della Puna, una regione desertica tra le più remote della terra. Dopo aver visitato la città di Salta, si prosegue verso la Quebrada del Toro e il Tolar Grande, per visitare il Salar di Arizaro, la riserva Ojos de Mar e la zona vulcanica di Antofagasta de la Sierra. Si continua con il paesaggio lunare del Campo de Pietra Pomez e gli alti vigneti di Cafayate tra canyon e montagne multicolori.

Prezzo su richiesta


Programma

Giorno 1
Italia – Buenos Aires
Partenza dall’Italia, pernottamento a bordo.

Giorno 2
Buenos Aires
Arrivo all’aeroporto internazionale di Ezeiza, accoglienza e trasferimento in hotel. Tempo a disposizione per riposarsi o fare una passeggiata in città, pernottamento.

Giorno 3
Buenos Aires - Salta 
Prima colazione e trasferimento all’aeroporto Jorge Newbery, per imbarcarsi sul volo interno diretto a Salta. Arrivo a Salta, accoglienza e trasferimento in hotel. Pomeriggio dedicato alla visita della città, situata a 1200 metri di altitudine sul versante orientale delle Ande in una regione ricca di storia, colori e folklore. Qui si possono ammirare la sua splendida cattedrale rosa, la Piazza 9 de Julio circondata da vie pedonali, la chiesa di San Francisco e il Cabildo, ovvero il municipio meglio conservato di tutta l'Argentina risalente al 1780 e perfettamente conservato  in puro stile coloniale. Cena in una peña folcloristica locale, dove si assiste a spettacoli di musica e danze tradizionali. Pernottamento.

Giorno 4
Salta – Tolar Grande 
Prima colazione e successiva partenza verso Tolar Grande, lungo la Quebrada del Toro. Durante il percorso si è circondati da maestose montagne dalle forme sempre diverse, così come i colori delle rocce che le ricoprono. La Quebrada prende il nome dal fiume Toro che scorre lento e sinuoso, ma che può improvvisamente trasformarsi in un torrente impetuoso soprattutto in primavera. La strada che segue il percorso del famoso “treno delle nuvole” attraversa prima le coltivazioni di tabacco della Valle di Lerma, poi la foresta di ceibo, l’albero nazionale argentino dai fiori rossi, fino ad arrivare al piccolo insediamento di minatori di San Antonio de los Cobres. Pranzo e partenza verso Tolar Grande, cittadina fondata attorno alla stazione ferroviaria e l’ultima sul territorio argentino prima di oltrepassare il confine con il Cile. All’arrivo, cena in ristorante locale. Trasferimento in hotel e pernottamento.

Giorno 5
Tolar Grande – Arenal – Ojos de Mar – Tolar Grande 
Prima colazione e successiva visita del Salar di Arizaro, il più grande dell'Argentina e il terzo più grande del mondo. Si tratta di una depressione desertica estesa per 1600 km2 nella zona centro occidentale della Puna di Atacama e il suo nome significa “cimitero degli avvoltoi” a causa dell’asprezza del suo territorio.  Al suo interno si trova il Cono di Arita, un cono di lava nera e sale, alto 200 metri le cui pendici molto scure contrastano con il bianco immacolato del salar e che un tempo era luogo di culto per gli abitanti indigeni della regione. Si continua verso la riserva naturale Ojos de Mar, delle pozze d’acqua blu intenso che si aprono nello splendente bianco del salar. Al loro interno esistono ancora colonie di stromatoliti, una delle forme di vita più antiche del pianeta. Pranzo durante l’escursione. Rientro a Tolar Grande e cena in ristorante locale. Trasferimento in hotel e pernottamento.

Giorno 6
Tolar Grande – Cono de Arita – Antofalla – Antofagasta de la Sierra
Prima colazione e partenza per Antofalla, attraversando il Salar de Arizaro e il Cono d’Arita. La zona di Antofalla rappresentava una delle stazioni più importanti di sosta delle carovane che viaggiavano in direzione dell’Oasi di Atacama attraverso le Ande. Antofalla è una piccola oasi ubicata a 3400 metri di quota, che con quella di Antofallita raggiunge in totale circa 60 abitanti ed è circondata da una spettacolare salina dai colori meravigliosi. Pranzo durante l’escursione. Si prosegue per Antofagasta de la Sierra, nella provincia di Catamarca, nel pieno della regione dei vulcani, tra lagune e pascoli abitati dai lama. Cena in ristorante locale, sistemazione in hotel e pernottamento.

Giorno 7
Antofagasta de la Sierra – Campo de Piedra Pomez – Laguna Grande – Antofagasta de la Sierra 
Prima colazione e visita del Campo de Piedra Pomez, un vasto territorio di origine vulcanica formatosi grazie ad una gigantesca eruzione del Volcan Blanco: una nube ricca di pietra pomice si depositò su di un’area vastissima di più di 50 Km d’ampiezza, creando così un paesaggio surreale e quasi lunare  di rocce friabili lavorate e modellate nel corso dei secoli dal vento potente che soffia dalle Ande, creando una sorta di deserto bianco, punteggiato da altissimi spuntoni che raggiungono i 10 metri d’altezza. Spuntino all’aperto durante l’escursione. Nel pomeriggio si parte per la Laguna Grande ubicata a 4.200 metri di quota, che oltre ad offrire uno spettacolo affascinante, ogni anno ospita più di 15000 esemplari di fenicotteri delle più diffuse specie andine durante la loro migrazione. Rientro ad Antofagasta de la Sierra, cena in ristorante locale e pernottamento.

Giorno 8
Antofagasta de la Sierra – Cafayate 
Prima colazione e partenza per Cafayate lungo la famosa Ruta 40, un tratto molto scenografico che attraversa deserti, piccole e tipiche fattorie e vigneti, circondati dalle montagne rocciose dai mille colori. All’arrivo, pranzo e visita in un’azienda vinicola locale, dove l’uva viene coltivata su alture che raggiungono 3000 metri. Cena in ristorante locale, sistemazione in hotel e pernottamento.

Giorno 9
Cafayate – Salta – Buenos Aires 
Prima colazione e partenza per Salta, attraversando la Quebrada de las Conchas una profonda gola rocciosa scavata dal fiume Rio de las Conchas tra imponenti sedimenti di argilla e gesso risalenti a 50.000 di anni fa; allora questa zona, ora semi desertica, era caratterizzata da clima umido e piovoso, popolata da coccodrilli e tartarughe. Trasferimento in aeroporto per imbarcarsi sul volo interno diretto a Buenos Aires. All’arrivo, accoglienza e trasferimento in hotel, tempo a disposizione, pernottamento.

Giorno 10
Buenos Aires 
Prima colazione e giornata a disposizione per visitare la capitale dell’Argentina. I luoghi più significativi di Buenos Aires sono la Plaza de Mayo, testimonianza di importanti fatti della storia argentina, su cui si affacciano la cattedrale, il Cabildo e la casa Rosada, sede della Presidenza; i quartieri La Boca, dalle piccole casette di lamiera colorate dove viveva la maggior parte degli immigrati italiani; San Telmo con i suoi negozi di antiquariato e il mercato bohemien; Recoleta, con eleganti palazzi e il cimitero in cui sorgono tombe riccamente decorate di numerosi personaggi storici tra cui Evita Perón. Pernottamento.

Giorno 11
Buenos Aires – Italia 
Prima colazione e successivo trasferimento in tempo utile all´aeroporto internazionale di Ezeiza per imbarcarsi sul volo di rientro in Italia.

Giorno 12
Arrivo in Italia





POTREBBE ANCHE INTERESSARTI

Calendario viaggi di gruppo

Quando vuoi partire?

CERCA
Azonzo Travel a Porta a Porta

Fabio Chisari, Founder & C.E.O. di Azonzo Travel, parla in RAI, a PORTA A PORTA.


Azonzo Travel a Uno Mattina

Fabio Chisari, Founder & C.E.O. di Azonzo Travel, parla in RAI, a UNO MATTINA, dei viaggi per l'estate 2016 - 22/06/2016.




 

 

Parlano di noi

Testate giornalistiche
Testate giornalistiche
Testate giornalistiche
Testate giornalistiche
Testate giornalistiche
Testate giornalistiche
Testate giornalistiche
Testate giornalistiche
Testate giornalistiche

Destinazioni