Home > Viaggi speciali pronti > Viaggi in Etiopia >

Etiopia. Azonzo in Etiopia per scoprire i suoi tesori storici, archeologici e paesaggistici: le stele di Axum, le chiese rupestri del Tigray e i castelli di Gondar.

VIAGGI SPECIALI PRONTI

Attenzione il viaggio che stai visualizzando non è piú disponibile. Ti preghiamo di contattarci per eventuali informazioni, per un viaggio su misura, oppure di verificare tutti viaggi speciali pronti attualmente in programmazione.
Etiopia

Etiopia. Azonzo in Etiopia per scoprire i suoi tesori storici, archeologici e paesaggistici: le stele di Axum, le chiese rupestri del Tigray e i castelli di Gondar.

 

24 aprile - 5 maggio 2013

Proponiamo uno straordinario viaggio in Etiopia alla scoperta degli splendidi tesori storici, archeologici e paesaggistici di una terra ancora tutta da scoprire. L’Etiopia conserva ancora intatta la sua identità culturale, con la sua antica storia: le numerose chiese rupestri, scavate nelle rocce, alcune situate in posti inaccessibili; i luoghi di molteplici battaglie, fra cui quelle del periodo coloniale italiano e i magnifici castelli che testimoniano un grande passato di questo Paese.

 

La nostra proposta di viaggio ti interessa? Vuoi saperne di più? Per avere maggiori informazioni sui viaggi organizzati da Azonzo Travel contattaci direttamente, e ti faremo avere tutte le informazioni di cui hai bisogno




DESCRIZIONE

Durante questo viaggio si visita la capitale di Addis Abeba, l’antica Axum con le sue colossali stele, le numerose chiese rupestri della regione del Tigray, in particolar modo il monastero di Debre Damo e la chiesa di Medhanealem Adi Kesho nella zona di Makalle. Si continua con il complesso di chiese di Lalibela, riconosciuto dall’UNESCO patrimonio mondiale dell’Umanità e con i castelli di Gondar. Si raggiungono le cascate del Nilo Azzurro di Tissisat e si effettua una escursione in barca fino agli antichi e isolati monasteri sulle isole del Lago Tana. Infine si giunge al canyon della valle del Nilo Azzurro attraversando territori popolati dalle tribù degli Amara. Un viaggio per scoprire lo straordinario patrimonio culturale e naturale dell’Etiopia riconosciuta culla dell’umanità per la sue testimonianze archeologiche, le più antiche del mondo.

PROGRAMMA

Giorno 1: Mercoledì 24 aprile
Italia – Addis Abeba
Partenza in tarda serata dall’Italia. Pernottamento a bordo.

 

Giorno 2: Giovedì 25 aprile
Addis Abeba
Arrivo al mattino presto ad Addis Abeba, accoglienza e trasferimento presso il Ghion hotel o similare. Mattinata a disposizione per il relax. Nel pomeriggio visita dei luoghi e monumenti più significativi della capitale. Primo fra tutti si visita il Museo Nazionale, interessante sia per i reperti sabei, che testimoniano lo scambio culturale tra l’altopiano etiopico, la costa eritrea e la penisola arabica, sia per i suggestivi abiti indossati un tempo dalle alte cariche dell’Impero. Questo museo però è importante soprattutto per Lucy, il piccolo scheletro ritrovato negli anni ’70 nella valle dell’Awash e appartenente ad un ominide, l’Astralopithecus Afarensis, vissuto tre milioni e mezzo circa di anni fa. Si prosegue la visita di Addis Abeba raggiungendo il punto panoramico della città. Rientro in hotel, pernottamento.


Giorno 3: Venerdì 26 aprile
Addis Abeba – Axum
Prima colazione e successivo trasferimento in aeroporto per imbarcarsi sul volo interno per Axum, antica capitale del più grande regno africano. Il regno Axumita nacque qualche secolo prima di Cristo e le colossali stele e le rovine dei palazzi sono un chiaro esempio della sua potenza. Qui è conservata, secondo la tradizione etiope, la mitica "arca dell'alleanza" contenente le originali "tavole della legge" consegnate da Yahweh a Mosè sul monte Sinai, poi portate in Etiopia da Menelik, primo Imperatore, figlio della Regina di Saba e di Re Salomone. Le glorie di questo antico e reale passato sono manifeste nelle stele erette dagli antichi re e nei resti del cosiddetto Palazzo della Regina di Saba. All’arrivo accoglienza e trasferimento presso lo Yeha hotel o similare. Successiva visita dedicata ai luoghi e monumenti più significativi della città: la tomba del Re Kaleb, personaggio molto importante della storia Axumita; la vicina tomba del Re Ghebre Meskel, figlio di Kaleb, su un promontorio che domina la piana della catena montuosa di Adua dove è avvenuta l’omonima battaglia; il Parco delle Stele con i suoi monoliti, la tomba del Re Remhai autore delle stele; le rovine del Palazzo della Regina di Saba, la Chiesa Di Mariam di Tsion nella cui cappella è custodita, secondo la credenza dei fedeli, l’arca dell’alleanza; il piccolo museo che ospita reperti molto interessanti legati all’antica storia commerciale del regno Axumita; il Parco della Stele di Ezana, considerato il primo Re cristiano per la storia etiope. Pranzo durante l’escursione. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

 

Giorno 4: Sabato 27 aprile
Axum – chiese del Tigray - Makalle
Prima colazione e partenza in direzione di Makalle. Lungo il tragitto si attraversa la vallata nella quale l’esercito italiano ha avuto una delle più cruenti sconfitte: quella di Adua. Si percorre tutta la regione dove si incontrano molte delle chiese rupestri del Tigray. Si continua in direzione sud verso due luoghi molto importanti nella storia etiope: Yeha, famosa per il Tempio della Luna, che risale all’VIII secolo a.C., poi convertito a luogo di culto cristiano. Durante la visita si può ammirare l’adiacente museo che custodisce reperti precristiani ed altri ritrovati nella zona, e il piccolo tesoro conservato nella vicina chiesa. Si prosegue sempre lungo paesaggi tipici della regione tigrina per raggiungere il monastero di Debre Damo. Il monastero è collocato sul ciglio di una montagna ad un’altezza di circa sedici metri da terra e l’unico modo per raggiungerlo è farsi issare con una corda. L'accesso è riservato ai soli uomini, ma è comunque uno spettacolo vedere i visitatori arrampicarsi sulla ripidissima parete alta più di venti metri. La data della fondazione di Debre Damo è ancora molto dibattuta, secondo alcune fonti, il monastero fu costruito dal monaco Abune Aregawy intorno al X secolo. Comunque sia, esso rimane nel panorama religioso etiope una delle strutture, tra le più importanti e venerate. Arrivo a Makalle, sistemazione in presso l’Axum hotel o similare, cena e pernottamento.

 

Giorno 5: Domenica 28 aprile
Makalle
Prima colazione e giornata interamente dedicata alla visita di alcune chiese rupestri situate nella zona del Tigray, che si pensa siano più di centoquaranta. Si inizia la visita con la chiesa di Medhanealem Adi Kesho, considerata una delle più` belle, che si raggiunge dopo quarantacinque minuti di ripida salita. La chiesa, scavata nella roccia, presenta tre sale adornate da dipinti meravigliosi. Da qui si gode inoltre di un panorama suggestivo sulla valle della Dancalia. Proseguimento in auto per raggiungere la chiesa di Michael Mahalzenghi, che è stata completamente scavata all’interno di una roccia. Si ha modo inoltre di visitare il monastero di Petros Paulos, che si raggiunge salendo su una scala di rami di eucaliptus. Cena e pernottamento presso il Gheralta Lodge o similare.

 

Giorno 6: Lunedì 29 aprile
Makalle - Lalibela
Prima colazione e successiva partenza in direzione di Lalibela. Durante il percorso, di circa 400 km, si possono ammirare bellissime euforbie a candelabro fino a raggiungere la vetta dell'Amba Alagi, uno dei luoghi più importanti della storia coloniale Italiana. Qui, infatti, nel 1895 avvenne una delle più ingenti sconfitte imposte dall'esercito Etiope a quello Italiano. Si prosegue il viaggio attraversando passi che raggiungono i 3200 metri slm fino a giungere al lago Ashanghe. Si continua attraverso una fertilissima valle per raggiungere Woldia, importante crocevia verso il porto di Djibouti. Lungo questo paesaggio è possibile incontrare la popolazione Oromo caratterizzata dai lunghi capelli crespi, la croce tatuata sulla fronte e il corpo esile. Raggiunta Woldiya, le strade si dividono: una continua verso Addis Abeba e l’ altra che porta il nome di “strada cinese”, corre tra villaggi di montagna immersi nel verde salendo verso il passo di Dilb, a 3200 metri circa, con un incredibile panorama. Una volta giunti in cima al passo, lunghi spazi terrazzati, intervallati da conche erbose di pascoli, si aprono allo sguardo. Qui si possono vedere branchi di babbuini Gelada, specie endemica della zona. La strada sterrata scende verso un paesaggio eroso dagli affluenti del Tekezze` e riprende il suo corso in saliscendi costellati da gruppi di capanne. Arrivo a Lalibela dove, nel XII secolo, sorsero le prime chiese scavate nella roccia. Sistemazione presso il Mountain View hotel o similare, cena e pernottamento.

 

Giorno 7: Martedì 30 aprile
Lalibela
Prima colazione e giornata dedicata al complesso di chiese la cui particolare architettura ha fatto si che venisse riconosciuto come patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Questo complesso, costituito da undici chiese collegate tra loro, fu costruito per volere di Re Lalibela. Tutte le chiese sono state scavate nella roccia, alcune sono monolitiche, ovvero  formano un unico blocco, altre sono semimonolitiche, a grotta o rupestri. La leggenda dice che solo l’intervento degli angeli aveva potuto permettere tali costruzioni. Si inizia la visita con la chiesa di Bete Mariam, rettangolare a tre navate con un interno molto elaborato con affreschi e dipinti dai colori delicati. Si prosegue con la più imponente Bete Medane Alem, e infine la chiesa ipogea e cruciforme di S. Giorgio, ultimo lavoro del re, caratterizzata da colonne esterne. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

 

Giorno 8: Mercoledì 1 maggio
Lalibela - Gondar
Prima colazione e successivo trasferimento in aeroporto per imbarcarsi sul volo per Gondar. All’arrivo accoglienza e visita della città che fu centro dell’impero nel XVII secolo con il Re Fasiladas. La città, situata ai piedi dei monti Simien, fu sede degli Imperatori d'Etiopia nei secoli XVII e XVIII e conserva, di quell’epoca, le pittoresche rovine dei celebri castelli imperiali ed alcune delle sue quarantaquattro antiche chiese. Durante la visita si ammira il grande castello di Fasiladas con quattro torri angolari rotonde e un torrione quadrato, la cui elegante facciata ricorda vagamente le costruzioni del nostro Rinascimento. Dopo aver visitato il complesso dei castelli, in parte danneggiati dai bombardamenti inglesi durante la fase di liberazione dall’occupazione italiana, si visita il bagno del Re Fasiladas, costituito da un padiglione rettangolare, che fu luogo di delizie di Fasiladas e dei suoi successori. Oggi è invece teatro della più animata e colorata delle feste religiose etiopi: il Timkat, l' Epifania, che commemora qui, tra spruzzi, bagni collettivi e danze ritmate dai tam-tam, il battesimo di Cristo. Si continua la visita con il castello della Regina Mintewab, consorte del Re Bekafa e madre del Re Eyasu, ultimo governante della dinastia di Gondar, con annessa la chiesa della Maria di Qusquam distrutta dall’invasione dei Dervisci del Sudan. Si può visitare anche la famosissima chiesa di Debre Birhan Sellasie fatta costruire da Eyasu I, nipote di Fasiladas, fra i più significativi esempi dell’arte figurativa etiope del XVII secolo con i dipinti angelici sul soffitto. Si termina l’escursione con la piazza principale e le numerose costruzioni di stile fascista a testimonianza dell’invasione in Etiopia. Cena e pernottamento presso il Goha hotel o similare.

 

Giorno 9: Giovedì 2 maggio
Gondar – Bahir Dar
Prima colazione e partenza mattino in direzione di Bahir Dar. Lungo il tragitto si attraversa la regione Amara con i suoi campi coltivati e con il castello di Guzara costeggiando il lago Tana. Si passa poi per una delle valli più fertili del Paese, la valle di Fogera, per raggiungere Bahir Dar. All’arrivo visita della città con il Palazzo di Bezait e il mercato. Sistemazione presso il Abayminch o similare. Cena e pernottamento.

 

Giorno 10: Venerdì 3 maggio
Bahir Dar
Prima colazione e successiva visita delle cascate del Nilo Azzurro. Secondo un' antichissima leggenda, il Nilo Azzurro scendeva dal cielo: erano le lacrime della dea Iside, alla ricerca del suo amato sposo Osiride ucciso dal fratello Seth, ad originare le piene del fiume. Esso scorre tranquillo tra rive distanti circa duecentocinquanta metri e rivestite di lussureggiante vegetazione, si allarga fino a formare un fronte di quasi cinquecento metri e, dividendosi in quattro rami precipita con un salto di quarantacinque metri in una stretta e pittoresca gola: la cascata di Tissisat, una tra le più belle del mondo. Con le vetture si giunge nei pressi del ponte costruito dai portoghesi nel XVI secolo, là dove il fiume, stretto in una gola, arriva a trentacinque metri di profondità. Si prosegue a piedi per una mezzora circa fino al terrazzo naturale che si affaccia sulle maestose cascate. Purtroppo la costruzione di una diga per la produzione di energia elettrica ha sensibilmente diminuito la portata d’ acqua delle cascate. Si prosegue per un’ ora circa per raggiungere la base delle cascate in modo da poterle ammirare dal basso. Si prosegue per circa altri trenta minuti di passeggiata tra campi coltivati a sorgo e a teff, il cereale con il quale si produce l’injera; tipico pane etiope. Si raggiungono nuovamente le vetture a bordo di un’imbarcazione lungo il fiume Nilo. Rientro a Bahir Dar per pranzo. Nel pomeriggio si effettua una navigazione sul lago Tana per raggiungere la penisola di Zeghie dove sorgono alcune interessanti chiese: Ura Kidane Mehret, uno dei più begli esempi dell’arte medioevale etiope e Azoa Mariam, risalente al XVI secolo. Terminata la visita si rientra a Bahir Dar per la cena e il pernottamento.

 

Giorno 11: Sabato 4 maggio
Bahir Dar – Addis Abeba
Prima colazione e successivo trasferimento in aeroporto per imbarcarsi sul volo per Addis Abeba. All’arrivo trasferimento in hotel dove vi sono delle camere a disposizione fino al tardo pomeriggio. Successiva visita della zona del marcato all'aperto, il più grande del continente. Qui si svolge la vita quotidiana di buona parte della metropoli, ed è suddiviso in zone per tipologia di prodotti. Nei suoi pressi si trova la moschea di Anwar che è la più grande del Paese. Cena in ristorante tradizionale con spettacolo di danze etniche. Successivo trasferimento in aeroporto per imbarcarsi sul volo di rientro in Italia.

 

Giorno 12: Domenica 5 maggio - arrivo in Italia

 

Voli interni previsti durante il programma: Addis Abeba – Axum / Lalibela – Gondar /Bahir Dar – Addis Abeba

 

Una sola data di partenza: 24 aprile 2013

PREZZI

Quota: euro 2.000,00 a persona in camera doppia
Supplemento sistemazione camera singola: euro 300,00
Guida esperta locale che accoglie il gruppo in aeroporto al vostro arrivo
Partenza garantita, senza vincolo di numero minimo di partecipanti.
Numero massimo di partecipanti: 10

 

La quota comprende:
- Tutti i transfer aeroporto/hotel/aeroporto
- Tutti i trasferimenti interni in minibus, come da programma
- Voli interni Addis Abeba – Axum / Lalibela – Gondar /Bahir Dar – Addis Abeba
- Pernottamenti in alberghi, come specificato nel programma
- Trattamento di pensione completa con bevande analcoliche incluse eccetto a Addis Abeba dove è previsto un trattamento di pernottamento e prima colazione
- Visite e ingressi come specificato nel programma
- Escursione sul lago Tana
- Guida esperta locale in lingua italiana durante tutto il tour
Assicurazione medica e bagaglio

 

La quota non comprende:
- Volo Italia – Etiopia – Italia (quotazione su richiesta)
- Visto consolare d’ingresso (USD 20 a persona da pagare in loco all’arrivo)
- Pasti non specificati nel programma
- Bevande, mance, e spese personali di ogni genere
- Accompagnatore dall’Italia (non previsto)
- Assistenza in aeroporto alla partenza (non prevista)
Assicurazione annullamento viaggio (su richiesta)
- Tutto quanto non espressamente indicato nel programma

MAPPA


Mappa Interattiva


Visualizza Azonzo in Etiopia in una mappa di dimensioni maggiori


CONTRATTO E ASSICURAZIONI

1) Il contratto che usa Azonzo Travel e’ quello approvato da Assotravel, Assoviaggi, Astoi e Fiavet
Prima di firmare il contratto, leggi le condizioni contrattuali a questo link

In merito al punto 10 delle condizioni contrattuali (RECESSO DEL CONSUMATORE), si precisa che l’importo della penale in caso di cancellazione ammonta al:

15% del costo del viaggio se la cancellazione avviene fino a 46 giorni prima della partenza
25% del costo del viaggio se la cancellazione avviene da 45 a 30 giorni prima della partenza
40% del costo del viaggio se la cancellazione avviene da 29 a 15 giorni prima della partenza
60% del costo del viaggio se la cancellazione avviene da 14 a 7 giorni prima della partenza
100% del costo del viaggio se la cancellazione avviene da 6 a 0 giorni prima della partenza

e che le suddette condizioni sono sempre valide a meno che non siano specificate diversamente nel programma di viaggio proposto.

 

2) Azonzo Travel include sempre gratuitamente, in tutti i suoi viaggi, la “Polizza Medico Bagaglio” di Europ Assistance.
Leggi la sintesi oppure le condizioni dettagliate della “Polizza Medico Bagaglio” .

 

3) Volendo e’ possibile acquistare anche la “Polizza Annullamento Viaggio” di Europ Assistance. Leggi le condizioni della “Polizza Annullamento Viaggio” a questo link
 
4) Volendo è possibile acquistare delle polizze assicurative integrative facoltative. Leggi la descrizione a questo link



RICHIESTA INFORMAZIONI

Nome:
Cognome:
Email:
Note:
Attenzione il viaggio che stai visualizzando non è piú disponibile. Ti preghiamo di contattarci per eventuali informazioni, per un viaggio su misura, oppure di verificare tutti viaggi speciali pronti attualmente in programmazione.
La nostra proposta di viaggio ti interessa?
vuoi saperne di più?