Header Background
2004 - 2017 in viaggio da 13 anni

Filippine - Alla scoperta di antiche risaie, isole incontaminate, città coloniali e fiumi sotteranei


Un tour in una terra caratterizzata da solidarietà, sorrisi e paesaggi spettacolari

Proponiamo un’interessante viaggio in un Paese che offre una natura sovrana che l’uomo ha trasformato in spettacolari risaie a terrazza. Durante questo viaggio sono numerose le mete da non perdere sia dal punto di vista culturale che naturalistico.

Prezzo su richiesta

Attenzione questo programma di viaggio è solo un esempio.
Chiedici un viaggio su misura!

richiedi informazioni

Programma

Le mete da non perdere sono:

Manila, un tempo chiamata Intramuros, è la capitale delle Filippine ed è situata sull’isola di Luzon. La città è un mix di modernità e tradizione. Antiche costruzioni risalenti alla dominazione spagnola si alternano a grattacieli e ad edifici di nuova generazione. Durante le visite della città si possono ammirare il Forte Santiago, la cattedrale, la chiesa di Sant’Agostino, la coloniale Casa Manila e il museo di Bahay Tsinoy. Proprio accanto alla città vecchia c’è il Parco Rizal, dove vengono svolte numerose manifestazione di carattere culturale e artistico. Questo parco si trova sulla suggestiva baia di Manila,  collegata alla Laguna de Bay tramite il fiume Pasig. Non lontano da Manila, si possono effettuare numerose escursioni di carattere naturalistico: le spiagge di Batangas, le cascate di Pagsanjan, le sorgenti termali della Laguna de Bay, il monte Pinatubo, l’isola di Corregidor e Tagaytay. Di quest’ultima  è interessate ricordare che si tratta di uno dei luoghi più piacevoli dell’Asia. Si raggiunge da Manila attraversando campagne coltivate a riso e frutti esotici, piccoli villaggi e cittadine. Dall’alto di Tagaytay, situata ad una altezza di 675 metri sul livello del mare, si può ammirare lo straordinario e particolare Taal: un vulcano all’interno di un altro vulcano ed un lago dentro ad un altro lago.

 

Isola di Luzon, oltre a essere l’isola in cui si trova la capitale Manila, è famosa per le celebri risaie di Banaue, risalenti a circa 3000 anni fa, e riconosciute Patrimonio Mondiale dall'Unesco. Soprannominate le "scale celesti", sono uno spettacolo imperdibile.  Più a nord si trova la città di Vigan,  un'antica città coloniale che offre un sapiente connubio di architettura asiatica ed europea. Qui si respira un’atmosfera del XVIII secolo in quanto sembra che il tempo si sia fermato.

 

Cebu, situata nell’arcipelago di Visayas e chiamata Queen City, fu il luogo in cui il portoghese Ferdinando Magellano, nel 1521, segnò l'arrivo del cristianesimo nelle Filippine. Qui è possibile visitare il Monumento a Lapu Lapu, la Croce di Magellano e la Chiesa del Santo Nino.  Si continua con il colorato Carbon Market, il famoso quartiere di Beverly Hills e il tempio Taoista. Nelle vicinanze, a solo un’ora e mezza di traghetto, si raggiunge l’isola di Bohol, situata nel cuore del sud delle Filippine.  Famosa per le sue colline terrazzate saprà stupire anche per le numerose insenature pittoresche e le spiagge bianchissime. L’isola inoltre è caratterizzata da un paesaggio davvero suggestivo ornato da piantagioni di cocco e palme di nipa. Qui vive il tarsio spettro, il mammifero più antico esistente sul pianeta. Si tratta di un piccolo primate dall’aspetto davvero buffo. Si visita inoltre le Chocolate Hills ovvero colline di corallo che cambiano colore con le stagioni fino a diventare color cioccolato in piena estate. Infine non bisogna dimenticare la meravigliosa spiaggia di Alona Beach, situata a Panglao Island, il luogo perfetto per tutti i sub. A nord di Bohol si ha modo di ammirare villaggi sperduti tra le isole più remote dell’arcipelago: nella baia di Gutob vi sono le le isole di Dibutonay, Maltatayoc, Horse e le incontaminate isole di Batan.

 

Davao, è una destinazione delle Filippine davvero imperdibile. Ciò che la rende unica sono i suoi paesaggi bucolici e la presenza di tribù indigene. Quest’ultime celebrano ogni anno il festival di Kadaywan con danze, canti e artigianato nel mese di agosto. Nei pressi della città di Davao si può effettuare un’escursione sulla cima del Monte Apo dove vivono le aquile delle scimmie, una specie di rapace fra le più rare al mondo. Qui si trovano anche le Waling – Waling, una rara orchidea dall’ineccepibile bellezza. Durante la visita della città si ha modo di visitare il museo di arti tribali, il colorato mercato di frutta (Davao è il maggior produttore di frutta dell’arcipelago), il santuario delle aquile e l’orchidario. Infine durante un soggiorno a Davao si può scoprire la vicina isola di Samal con le sue spiagge di sabbia bianca, la grotta dei pipistrelli, le cascate di Hagimit e l’isola di Kaputian.

 

Palawan, isola dichiarata santuario naturale del mondo, è caratterizzata da foreste pluviali, montagne maestose, grotte e fiumi sotterranei. Le sue acque ricchissime di pesci sono il paradiso per gli amanti delle immersioni e dei pescatori. Il capoluogo dell’isola è Puerto Princesa, seconda città più grande dopo Davao, che offre un’atmosfera rilassata ed è completamente adornata da fiori. Qui si possono visitare l’allevamento di coccodrilli il cui obiettivo è quello di salvaguardare la specie delle Filippine che è in via d’estinzione. Oppure la Iwahig Penal Colony oltre alla cattedrale e al mercato. Inoltre a Palawan non bisogna assolutamente perdere il Parco Nazionale Sotterraneo di St. Paul: qui scorre il fiume sotterraneo più lungo del mondo, che si snoda tra caverne fino a giungere nella laguna della costa ovest dell’isola. Inoltre si può andare alla scoperta di Honda Bay,  insieme di isolotti dove si ha modo di effettuare snorkeling ammirando la splendida barriera corallina. Infine ci si può rilassare tra le sorgenti calde di Maquinit o nuotare tra le acque dell'isola di Balabac celebre per le rare specie di conchiglie.

 

Contattaci per un preventivo per un viaggio alle Filippine !

Richiesta Informazioni

invia

Contattaci

destinazioni

sezione approfondimenti