Header Background
2004 - 2017 in viaggio da 13 anni

Egitto - Lo spettacolare Deserto Bianco e le oasi di Bahariya, Farafra e Kharga.


Proponiamo un bellissimo viaggio attraverso formazioni bizzarre nell’oasi di Bahariya, di Farafra, coltivata a ulivi e albicocchi, e quella pittoresca di Dakhla. Infine si giunge a Kharga con i suoi antichi templi. Un viaggio straordinario per ammirare le bellezze dei Deserto Occidentale egiziano.

Prezzo su richiesta

Attenzione questo programma di viaggio è solo un esempio.
Chiedici un viaggio su misura!

richiedi informazioni

Programma

Giorno 1:
Italia - Cairo
Partenza dall’Italia, arrivo all’aeroporto del Cairo, accoglienza e trasferimento in hotel. Pernottamento.

 

Giorno 2:
Cairo – Bahariya (Bawiti)
Prima colazione e partenza in direzione di Bahariya, la prima oasi del Deserto Occidentale Egiziano. Ricchissima e famosa nell’antico Egitto, come tributaria dei faraoni per i suoi prodotti agricoli (olio e vino), oggi è nota per una delle più recenti e straordinarie scoperte dell’egittologia, la “Valle delle mummie d’oro”. Durante l’escursione in 4X4 si visita il museo delle “Mummie d’oro” che custodisce eccezionali maschere dipinte studiate dal famoso archeologo egiziano Zahi Hawass e provenienti da un’immensa necropoli, ancora in corso di scavo. Si continua con i templi di Alessandro e Muftella, per terminare con le splendide tombe di Amenhotep e Bennantiou, appartenenti alla ventiseiesima dinastia che deteneva il potere nell’oasi. Pranzo durante l’escursione. In serata sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

 

Giorno 3:
Bahariya (Bawiti) – Deserto Bianco
Prima colazione e partenza in direzione del Deserto Bianco, calcari e farine fossili sono le ultime testimonianze dell’antico Oceano Tetide. Oggi rimangono, di questo mare scomparso, bizzarre formazioni modellate dall’acqua e dal vento che fanno del Deserto Bianco un paesaggio fatato ed unico al mondo. Una grotta che si apre in una candida falesia (probabilmente un antico santuario) ci racconta come questa regione fosse fittamente abitata durante la Preistoria. Cena e pernottamento in campo tendato, attrezzato.

 

Giorno 4:
Deserto Bianco – Farafra
Prima colazione e partenza in direzione dell’Oasi di Farafra, la meno popolata e più remota oasi del deserto Occidentale. Oggi l’oasi, coltivata a ulivi e albicocchi, è abitata da una comunità di qualche migliaia di Beduini che vivono in piccole case di terra dipinte di blu, colore che secondo la tradizione allontana gli spiriti maligni. Lungo il tragitto si attraversano abbaglianti distese di sabbia gialla fino a raggiungere il pozzo di Abu Munkar. All’arrivo sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

 

Giorno 5:
Farafra – Dakla
Prima colazione e partenza in direzione dell’oasi di Dakhla, la più pittoresca tra le oasi del Deserto Occidentale. Dakla è costituita da numerose sorgenti circondate dal verde che si alternano a rigogliosi frutteti e distese di imponenti dune di sabbia bianca. A nord, a contrasto, vi è una lunga striscia di roccia rosata. Lungo il tragitto visita del tempio faraonico di Deir el Hagar e della necropoli di Muzawaka. Infine si prosegue nel labirintico intrico del Qasr di Dakhla, cittadella islamica sorta nel VII secolo, con la sua moschea, la scuola coranica e le ingegnose soluzioni escogitate per utilizzare al meglio il poco spazio disponibile all’interno delle mura. Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

 

Giorno 6:
Dakla – Kharga (El Bagawat)
Prima colazione e successiva partenza in direzione dell’oasi di Kharga, la più grande tra le oasi del Deserto Occidentale che acquistò importanza  lungo la cosiddetta "via dei quaranta giorni", lungo la quale si svolgeva il commercio degli schiavi tra il Sudan e l’Egitto. All’arrivo visita ad alcune antiche testimonianze che si possono osservare nei dintorni della città. Si comincia con la necropoli di El Bagawat, si continua con i templi di età faraonica (Amenebis e Al Huwaytah) e romana (Nadura): di maggior rilievo il tempio di Hibis (VI secolo a.C.) annoverato tra i pochissimi monumenti persiani nella Valle del Nilo e preceduto da un viale di sfingi attorniato da un palmeto. Qui Dario I è raffigurato mentre rende omaggio agli dei dell’antico Egitto. Una passeggiata nel pittoresco mercato locale e visita ad una scuola elementare. Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

 

Giorno 7:
Kharga (El Bagawat) – Luxor
Prima colazione e partenza in pullman per l’ultima traversata desertica che in circa 4 ore di percorso raggiunge Luxor, sulle rive del fiume Nilo. Arrivo nel pomeriggio e sistemazione presso in hotel. Tempo a disposizione per attività a proprio piacimento. Cena e pernottamento in hotel.

 

Giorno 8
Luxor – rientro in Italia
Prima colazione e trasferimento in aeroporto per imbarcarsi sul volo di rientro in Italia, via Il Cairo.



Richiesta Informazioni

invia

Contattaci

destinazioni

sezione approfondimenti